Portale di Ateneo - Unibs.it Portale di Ateneo - Unibs.it

Ricerca Centro MISTRAL

Centro Universitario Interdipartimentale di Ricerca Modelli Integrati di Studio per la Tutela della Salute e la Prevenzione negli Ambienti di Vita e di Lavoro (Mistral)

University Research Center Integrated Models for Prevention and Protection in Environmental and Occupational Health

AMBITI TECNICO-SCIENTIFICI e LINEE DI RICERCA FONDAMENTALI

A) MEDICINA E CHIRURGIA

  1. Area PATOLOGIA GENERALE, ANATOMIA PATOLOGICA, ANATOMIA COMPARATA E CITOLOGIA :  sviluppo metodi e modelli per lo studio e l’identificazione di nuovi e affidabili indicatori biochimici-biologici-molecolari di impiego tossicologico (valutazione danno biologico da esposizione a vari agenti presenti nell’ambiente, nei luoghi di lavoro o derivanti da attività produttive); studio e identificazione meccanismi d’azione di detti agenti patogeni e dosi soglia; applicazioni per normativa REACH; sviluppo e applicazione Metodi Alternativi (alla sperimentazione animale) (principio delle 3R); studi morfo-funzionali e sviluppo approcci tossicologici in silico; sviluppo buone prassi
  2. Area MEDICINA DEL LAVORO: prevenzione, diagnosi e monitoraggio infortuni e malattie lavoro-correlate; modelli tossicologici industriali; interazioni ambiente di vita e di lavoro; green economy; REACH; modello biopsicosociale per la salute; epidemiologia, sorveglianza sanitaria, monitoraggio effetti sulla salute; problematiche emergenti, gruppi vulnerabili; promozione della salute nei luoghi di lavoro; invecchiamento e lavoro; ergonomia e sovraccarico biomeccanico dell’apparato osteoarticolare; problematiche riabilitative nelle patologie osteoarticolari

 

  1. Area FISIOLOGIA : monitoraggio dell’impatto dell’esposizione della popolazione lavorativa a particolari procedure e compiti operativi sulla funzione neuromuscolare, valutato oggettivamente tramite la rilevazione e l’analisi di segnali biologici elettromeccanici ottenuti con procedure non invasive
  2. Area IGIENE:   igiene ambientale; epidemiologia ambientale; indagini su inquinamento ambientale e possibili implicazioni sulla salute umana; mutagenesi ambientale (sviluppo e applicazione di saggi predittivi di rilevanza sull’uomo); valutazione dei possibili effetti biologici e clinici di esposizioni ambientali a fattori di rischio; identificazione biomarkers di esposizione e di effetto biologico precoce; informazione sul rapporto salute-ambiente
  3. Area PSICOLOGIA CLINICA:  La psicologia clinica, nell’adozione del metodo e delle letture che le sono proprie, darà il proprio contributo alla promozione dell’ ”ottimalità”, declinata nei livelli individuale, gruppale, sociale (πολις) ed ambientale. In particolare si individuano i seguenti ambiti di ricerca ed intervento: salute/malattia, relazione medico/paziente, modelli di cura (modello biopsicosociale, educazione terapeutica del paziente), epigenetica, psico-neuro-endocrino-immunologia, psicologia ergonomica (organizzazione ed istituzione), psicologia ambientale ed ecopsicologia. 

B) INGEGNERIA  

  1. Edilizia Sostenibile e Green Procurement; Energy Modelling; Building e Infrastructure Information Modelling finalizzati alla Gestione Integrata di Ambiente, Salute e Sicurezza; Field Mobile Construction Management e Context Awareness
  2. valutazione integrata dell’impatto ambientale di insediamenti civili e industriali: emissioni in acqua, e atmosfera, su suolo, produzione di rifiuti, consumo di energia. Monitoraggio delle caratteristiche quali-quantitative delle emissioni, con particolare attenzione agli inquinanti emergenti e in tracce. Messa a punto di processi innovativi per l’abbattimento o la riduzione delle emissioni. Identificazione degli inquinanti nelle varie matrici ambientali e studio del loro destino all’intero di esse
  3. identificazione e messa a punto di modelli e di sensori atti a rilevare e quantificare la presenza e gli effetti biologici degli inquinanti emergenti e in tracce nell’ambiente di vita e di lavoro. Messa a punto di sistemi analitici per l’ottimizzazione dei processi di abbattimento e riduzione degli inquinanti negli impianti di ingegneria sanitaria-ambientale (per il trattamento delle acque destinate al consumo umano, reflue, dei rifiuti e nella bonifica dei siti contaminati)
  4. studio, sviluppo ed applicazione strumenti informatici innovativi nell'ambito dell'Ingegneria Ambientale (ad es. sistemi di controllo basati su logica fuzzy, sistemi di supporto alle decisioni, sistemi di ragionamento automatico).