Portale di Ateneo - Unibs.it Portale di Ateneo - Unibs.it

Un premio alla memoria di Valeria Solesin tragicamente scomparsa durante la strage al Teatro Bataclan di Parigi

Scadenza: lunedì 31 luglio 2017.

Questo premio è dedicato alla memoria di Valeria Solesin, ricercatrice italiana presso la Sorbona di Parigi tragicamente scomparsa il 13 novembre 2015 durante la strage avvenuta al teatro Bataclan.

Il concorso quindi è inspirato sia agli studi di Valeria che approfondiscono il tema del doppio ruolo delle donne, divise tra famiglia e lavoro, sia ad altre ricerche contemporanee che evidenziano gli effetti positivi di una bilanciata presenza femminile nelle aziende: dall’aumento dei profitti, al ringiovanimento demografico dei board, e alle opportunità indotte di lavoro con conseguente incremento dei consumi.

Il premio è rivolto alle tesi di ricerca che affrontano l’analisi del mercato del lavoro in un’ottica di genere, da una prospettiva demografica, socio-economica o giuridica. Tesi che mettano a fuoco sia i fattori che ostacolano la maggiore presenza femminile nel mercato del lavoro in Italia, dove il tasso di occupazione femminile è fermo al 47%, sia le buone pratiche di conciliazione introdotte dalle aziende e dalle istituzioni in Italia e nel contesto internazionale per favorire un’organizzazione e una cultura inclusive, capaci di far accedere più donne al mondo del lavoro, di sostenerle nel loro duplice ruolo e di farle crescere anche nei ruoli di vertice delle imprese.

Verranno premiate le migliori tesi di ricerca magistrale che investighino il tema: “Il talento femminile come fattore determinante per lo sviluppo dell’economia, dell’etica e della meritocrazia nel nostro paese”.

Il Comitato Scientifico si compone delle persone che hanno ideato e sviluppato il progetto. A queste si aggiungono i professori delle discipline identificate nelle aree di interesse economico, sociologico, socio-politico e giuridico provenienti da Atenei vicini a Valeria Solesin e da quelli con i quali sono già attivi dei contatti: per l'Università degli Studi di Brescia, la prof.ssa Marzia Barbera.

Mercoledì, 5 Ottobre, 2016