Portale di Ateneo - Unibs.it Portale di Ateneo - Unibs.it

UniBs sempre più vicina agli studenti con il Fondo di Solidarietà e la Carta dei diritti e dei doveri degli studenti

Lo scorso 12 ottobre il Senato Accademico ha approvato l'istituzione del “Fondo di Solidarietà Studenti”, finalizzato alla concessione di un sussidio economico straordinario agli studenti che si trovino in difficoltà finanziarie, tali da poter ostacolare o compromettere la regolare prosecuzione degli studi. Approvata anche la “Carta dei diritti e dei doveri delle studentesse e degli studenti”, su testo proposto dal Comitato Partecipativo degli Studenti e ispirata all'omonima Carta inviata dal Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari al MUR.

 

Il Fondo di Solidarietà Studenti 

Grazie al Fondo di Solidarietà gli studenti potranno godere – una sola volta durante la loro carriera accademica - dell’esonero parziale o totale dal pagamento dei contributi universitari, ad eccezione della tassa regionale e dell'imposta di bollo, e, limitatamente agli studenti fuori sede, anche del rimborso delle spese sostenute per l'alloggio e/o per il trasporto pubblico per raggiungere, dal luogo di residenza o di ubicazione dell'alloggio, la sede del corso di studi frequentato. Gli interventi di sostegno saranno erogati a seguito dell’inoltro di domanda da parte dello studente secondo due scadenze annuali: il 30 settembre e il 28 febbraio dell'anno accademico di riferimento.

"Con grande emozione possiamo finalmente confermare l'istituzione del Fondo di Solidarietà – dichiara Carlo Andreoli, rappresentante degli studenti in Senato Accademico, Azione Universitaria Brescia –. È stato un processo molto lungo: iniziato con l'incontro personale con la direttrice generale lo scorso agosto, passando per la mozione presentata al Comitato partecipativo degli studenti, fino ad arrivare all'approvazione in Senato Accademico. Questo Fondo rappresenta una grande conquista della rappresentanza studentesca e soprattutto della comunità universitaria tutta, una vittoria che mettiamo al servizio degli studenti e che porta l’Università degli Studi di Brescia a difendere e a valorizzare ancor di più il diritto allo studio, offrendo così un concreto sostegno economico qualora il reddito di uno studente (o della sua famiglia) sia colpito negativamente da un evento imprevedibile e straordinario. Per il primo anno, l'amministrazione garantirà l'idoneità al fondo agli studenti con un ISEE inferiore ai 30'000 euro. Un buonissimo punto di partenza, ma lavoreremo per estendere i benefici a tutta la comunità studentesca. Un grazie a tutti coloro che hanno partecipato nella realizzazione di questo importantissimo obiettivo".

 

Carta dei diritti e dei doveri delle studentesse e degli studenti

Dall’impulso del Comitato Partecipativo degli Studenti nasce invece la “Carta dei diritti e dei doveri delle studentesse e degli studenti dell’Università degli Studi di Brescia”, ispirata all'omonima Carta inviata dal Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari al MIUR.

“Sono felice e personalmente fiero che anche l'Università degli Studi di Brescia abbia una sua Carta dei Diritti delle Studentesse e degli Studenti – dichiara Davide Zani, Presidente del Comitato Partecipativo degli Studenti e Senatore Accademico, Studenti Per - UdU Brescia -. Ci riteniamo soddisfatti specialmente per il voto unanime del Senato Accademico che l'ha definitivamente approvata. Al suo interno si trova una chiara definizione di quali siano i diritti e i doveri degli studenti in ambiti di fondamentale importanza, come la didattica, gli esami e il loro svolgimento, i servizi, gli uffici, i tirocini e altri ambiti della vita universitaria. Si tratta di un obiettivo che avevamo da diversi anni come studenti e Lista di Rappresentanza ed è quindi un grande traguardo e un forte strumento di tutela per tutta la componente studentesca. La stesura è iniziata per volontà nostra e siamo molto felici, dopo lunghi mesi di lavoro con l’Amministrazione d'Ateneo, di vederla finalmente approvata”.

 

“Si tratta – afferma il Rettore Maurizio Tira - di due importanti strumenti per la partecipazione attiva alla vita universitaria e per il sostegno in casi di difficoltà che vanno oltre l'erogazione dei sussidi per il diritto allo studio. Confidiamo in questo modo di proseguire un cammino di proficua collaborazione tra tutte le componenti della comunità universitaria, con l'obiettivo di consentire ad una fascia sempre più vasta di giovani di accedere a questa bellissima e fondamentale esperienza di vita”.

Martedì, 13 Ottobre, 2020