Portale di Ateneo - Unibs.it Portale di Ateneo - Unibs.it

Festival Internazionale della Luce Cidneon 2018: Le autostrade della luce - The superhighways of light

Nell’ambito del Festival Internazionale della Luce Cidneon 2018, venerdì 16 febbraio 2018 alle 17:00 nel Salone dell'Apollo di Palazzo Martinengo Palatini, sede del Rettorato, in piazza del Mercato 15 si terrà l'incontro dal titolo: "Le autostrade della luce - The superhighways of light" a cura di Stefan Wabnitz.

Interverranno per l'Ateneo:

  • il Rettore Maurizio Tira,
  • la Delegata all'edilizia universitaria - Campus sostenibile Ivana Passamani (Università e Cidneon tra cultura, arte, tecnologia e scienza),
  • la Delegata alla ricerca Marina Pizzi,
  • l'Energy Manager Lucio Zavanella (Università e Cidneon, una collaborazione, le sinergie e le prospettive).

Le fibre ottiche sono dei sottilissimi fili di vetro che trasportano luce. Come il sangue che irrora tutti i nostri organi vitali, nelle fibre ottiche fluisce tutto il flusso di informazione del nostro pianeta: i segnali dell’internet e le nostre conversazioni viaggiano nella fibra ottica alla velocità della luce, attraversando oceani e continenti fino a raggiungere ciascuna delle nostre case. Negli ultimi anni, l’uso delle fibre ottiche si è esteso al trasporto della luce laser ad altissime potenze, con un uso pervasivo nell’industria 4.0 e nella medicina: le fibre ottiche permettono il taglio e la saldatura dei metalli, la chirurgia mirata senza danni collaterali, l’endoscopia per la rivelazione precoce e non invasiva delle malattie e persino lo scavo dei pozzi di petrolio nella roccia.

Optical fibers are ultra-thin glass wires that transport light. Like blood that irrigates our vital organs, the light transmitted by optical fibers carries the flux of information to our planet. Internet data and our phone calls travel through optical fibers at the speed of light, crossing oceans and continents until they reach each of us at home. In recent years, the use of optical fibers was extended to transport very powerful laser beams, with a pervasive use in industry 4.0 and in medicine. Optical fibers permit cutting and welding of metals, non invasive surgery without collateral damages, endoscopy for early and non invasive diagnosis of illnesses, and even the drilling of oil wells into hard rocks.

 

Stefan Wabnitz obtained the Laurea Degree in Electronics Engineering from the University of Rome La Sapienza; in 1982, the MS in Electrical Engineering from Caltech in 1983, and the PhD in Applied Electromagnetism from the Italian Ministry of Education in 1988. He was with the Ugo Bordoni Foundation between 1985 and 1996. In 1996 he became full professor in Physics at the University of Burgundy in Dijon, France. Between 1999 and 2003 he was with Alcatel Research and Innovation Labs in France and with Xtera Communications in Texas. Since 2007 he has been full professor the Department of Information Engineering of the University of Brescia, Italy. His research activities involve nonlinear propagation effects in optical communications and information processing devices. He is the author and co-author of over 700 international refereed papers, conference presentations, and book chapters. He is the Deputy Editor of the Elsevier journal Optical Fiber Technology, a Fellow member of the Optical Society of America, and senior member of IEEE-Photonics Society.

Stefan Wabnitz nel 2017 ha vinto un ERC Advanced Grant con il progetto “STEMS – Spatiotemporal multimode complex optical systems”.

Il progetto, che ha ottenuto un finanziamento pari a 2.084.181,00 €, avrà una durata di 5 anni. È la prima volta che un ricercatore dell’Università degli Studi di Brescia vince un progetto ERC, il cui tasso medio di successo è del 9,6% a livello mondiale (2016). Il tasso di successo dei vincitori italiani – 16 su un totale di 231 vincitori – si attesta al 7%; il tasso di successo delle Host Institutions italiane – 12 su 231 – è invece del 5.2%. European Research Council (ERC) è l'organismo dell'Unione europea che finanzia i ricercatori di eccellenza di qualsiasi età e nazionalità che intendano svolgere attività di ricerca di frontiera negli Stati membri dell’UE o nei paesi associati. Gli obiettivi dell’ERC sono quelli di sostenere l’Eccellenza, supportando progetti di ricerca ad alto rischio, condotti da Principal Investigators con curricula di rilievo a livello internazionale, in qualsiasi ambito scientifico.

Venerdì, 16 Febbraio, 2018