Pandoracampus

I titoli disponibili su Pandoracampus sono ricercabili tramite il link Trova e-book ed e-journal o direttamente sulla piattaforma.

I manuali sono disponibili in prestito digitale. Per accedere, l'utente deve:

  • aprire la pagina dedicata al prestito, cliccare su "Accedi", quindi su "Login con IDEM", scegliere e selezionare "Università degli Studi di Brescia", infine effettuare il login con le proprie credenziali di ateneo;
  • scegliere il titolo dall'elenco dei testi disponibili e cliccare su "Richiedi prestito" (un'e-mail confermerà che la richiesta è stata registrata);
  • attendere l'e-mail che comunica l'attivazione del prestito (la richiesta deve essere approvata dal personale incaricato presso il Sistema Bibliotecario di Ateneo); in alternativa, l'utente potrà ricevere un'e-mail che avverte del posticipo o del rifiuto del prestito;
  • cliccare su "Accedi al testo" nell'e-mail ricevuta oppure aprire la pagina del prestito (indicata sopra), fare il login e cliccare su "I miei libri", dove si troverà il testo richiesto.​

N.B. Qualora, seguendo i passaggi esposti, dopo il login non si aprisse la pagina del prestito, è necessario uscire e ripetere l'accesso.

I manuali presenti su Pandoracampus sono disponibili solo per la lettura online, non per il download. È consentito utilizzare la funzione di copia e incolla e stampare parti di capitoli.

Ciascun prestito dura 3 mesi. Una settimana prima della scadenza, l'utente riceve un'e-mail di avvertimento; una volta scaduto l'accesso, se necessario, si può richiedere nuovamente lo stesso titolo in prestito. Un libro può anche essere restituito in anticipo, ma non prima di 60 giorni dall'attivazione.
Ogni utente può richiedere in prestito fino a 4 titoli contemporaneamente. Raggiunto il limite, è comunque consentito inoltrare ulteriori richieste, la cui approvazione sarà valutata dal personale incaricato.

Più utenti (al massimo 15) possono prendere in prestito lo stesso libro in maniera simultanea.

​La piattaforma, attenta alle esigenze degli studenti non vedenti, ipovedenti e dislessici, ha migliorato la propria accessibilità collaborando con la Fondazione LIA (Libri Italiani Accessibili).

Ultimo aggiornamento il: 31/08/2021