Portale di Ateneo - Unibs.it Portale di Ateneo - Unibs.it

L’Università degli Studi di Brescia diventa “cardioprotetta”

L’Università degli Studi di Brescia diventa “cardioprotetta”. L’Organizzazione di Volontariato Marco Solfrini - fondata nel 2018 in seguito all’improvvisa scomparsa per arresto cardiaco del celebre cestista bresciano da sempre impegnato nell’opera di volontariato – dona a titolo gratuito all’ateneo dodici defibrillatori automatici esterni (DAE) per un valore di circa 15 mila euro. Insieme all’installazione dei DAE, che saranno posizionati in corrispondenza delle aree, interne ed esterne, di maggiore afflusso delle sedi di Ingegneria, Medicina, Giurisprudenza, Economia e delle Residenze Universitarie di via Valotti, partirà anche un percorso di formazione dedicato al personale, in collaborazione con AAT Brescia e AREU Lombardia. La donazione di ODV Marco Solfrini rientra nel progetto di incremento, in città, della dotazione di defibrillatori, strumenti preziosi di prevenzione del rischio cardiovascolare. Ogni anno in Italia sono infatti circa 60mila le persone che muoiono per arresto cardiaco improvviso e la defibrillazione elettrica rappresenta di fatto l’unico intervento possibile che, attuato con la massima tempestività, é in grado di aumentare le probabilità di sopravvivenza. Considerata l'affuenza considerevole di utenti negli spazi interni ed esterni delle strutture universitarie, la donazione di defibrillatori all'Università degli Studi di Brescia avrá una ricaduta su tutto il territorio. 

Mercoledì, 9 Ottobre, 2019