Portale di Ateneo - Unibs.it Portale di Ateneo - Unibs.it

Menzione speciale al progetto “BASALTO” per l’intrappolamento del particolato atmosferico aerodisperso

Nell’ambito del premio istituito da Italiadecide, il Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale dell’Università degli Studi di Brescia ha ottenuto una menzione speciale per il progetto “BASALTO”, coordinato dalla prof.ssa Elza Bontempi del Laboratorio di Chimica per le Tecnologie. La cerimonia si è tenuta a Roma, presso la Camera dei Deputati.

Finanziato dal Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia dei Materiali (INSTM) e dalla Regione Lombardia, il progetto "BASALTO" ha portato allo sviluppo di un nuovo materiale sostenibile, progettato per l’intrappolamento del particolato atmosferico aerodisperso. In aprile, i 14 progetti selezionati dalla commissione saranno presentati alla Camera dei Deputati, all’interno di un evento coordinato da Piero Angela.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, nel 2013, in Europa, le morti premature attribuibili all’inquinamento atmosferico da particolato fine sono state 467.000. Il progetto "BASALTO" ha risposto ad una precisa richiesta della Commissione Europea, che ha istituito un bando Horizon per lo sviluppo di materiali innovativi e a basso costo, per la riduzione del particolato a livello urbano. Nelle diverse metropoli nel mondo la metodologia attualmente più efficiente per la riduzione del particolato è data dalla vegetazione: le foglie intrappolano una gran quantità di polveri atmosferiche, che vengono poi lavate a terra dalle piogge. Il nuovo intonaco sviluppato grazie al progetto “BASALTO” assorbe almeno 24 g/mq di particolato fine, un valore maggiore di ben due ordini di grandezza rispetto al particolato che possono assorbire le foglie. La sostenibilità del materiale poroso sviluppato è anche dovuta all’impiego di scarti industriali e materiali per l’uso alimentare.

 

Lunedì, 19 Febbraio, 2018