Portale di Ateneo - Unibs.it Portale di Ateneo - Unibs.it

LIFE

La Commissione Europea ha lanciato il nuovo programma LIFE 2014-2020, ideale proseguimento del programma Life+ 2007-2013.
LIFE è lo strumento di finanziamento del nuovo programma di azione per il clima e l'ambiente ed ha un budget di 3.456,7 milioni di euro.

Il programma LIFE è articolato in due sottoprogrammi:

  • lo strand Ambiente, con tre aree prioritarie: Ambiente e uso efficiente delle risorse; Natura e biodiversità; Governance e informazione in materia ambientale (75% del budget);
  • lo strand Azione per il clima, che copre le aree: Mitigazione dei cambiamenti climatici; Adattamento ai cambiamenti climatici; Governance e informazione in materia di clima (25% del budget).

Lo strand Ambiente prevede tre principali aree prioritarie, che si delineano in specifiche priorità tematiche:

A. Settore prioritario Ambiente ed uso efficiente delle risorse:

  • acqua e ambiente marino, incluso attività per garantire un uso sicuro ed efficiente delle risorse idriche;
  • rifiuti e approcci integrati per l’attuazione dei piani e programmi in materia di rifiuti (prevenzione, riutilizzo e riciclaggio); • suolo e foreste, economia verde e circolare;
  • ambiente e salute, compresi le sostanze chimiche e il rumore;
  • qualità dell’aria e emissioni, incluso l’ambiente urbano.

B. Settore prioritario Natura e biodiversità:

  • natura e attività volte a migliorare lo stato di conservazione degli habitat e delle specie;
  • biodiversità e attività per l'attuazione della strategia dell'Unione sulla biodiversità fino al 2020.

C. Settore prioritario Governance e informazione in materia ambientale

  • campagne di informazione, comunicazione e sensibilizzazione
  • attività a sostegno di un processo di controllo efficace e misure di promozione della conformità in relazione alla legislazione ambientale dell'Unione.

Lo strand Azioni per il clima si articola in tre aree prioritarie:

A. Mitigazione dei cambiamenti climatici attraverso la riduzione delle emissioni di gas serra;

B. Adattamento ai cambiamenti climatici tramite lo sviluppo e l’attuazione di politiche dell’Unione Europea e lo sviluppo e dimostrazione di tecnologie, sistemi e metodi e strumenti innovativi;

C. Governance e informazione in materia di clima attraverso la promozione della conoscenza in materia di sviluppo sostenibile e la sensibilizzazione per ottenere il sostegno del pubblico e delle parti interessate all’elaborazione delle politiche in materia di clima dell’Unione.