Portale di Ateneo - Unibs.it Portale di Ateneo - Unibs.it

ISEE: Indicatore della situazione economica equivalente - a.a. 2020/21

A.A. 2020/21- ISEE PER LE PRESTAZIONI AGEVOLATE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO

Gli studenti dei Corsi di laurea triennali, magistrali e magistrali a ciclo unico, che intendono usufruire della riduzione dei contributi universitari (seconda e terza rata) rispetto all’importo massimo, dovranno ottenere l’attestazione dell’ISEE 2019, conforme, rilasciata con la dicitura "si applica alle prestazioni agevolate per il diritto allo studio universitario" in favore del proprio codice fiscale.

Allo studente, al momento dell’immatricolazione online a.a. 2020/21 o del rinnovo dell’iscrizione online ad anni successivi a.a. 2020/21 sarà richiesto nella propria pagina personale  di autorizzare l’Università all’acquisizione dell’isee " per le prestazioni agevolate per il diritto allo studio " direttamente dall’INPS.

Lo studente quindi non dovrà più riportare il protocollo INPS dell’ISEE nella procedura online, ma dovrà solo autorizzare l’Università ad acquisire l’attestazione ISEE, purchè questa sia stata rilasciata entro il 31 dicembre 2020

L’Università recupererà i dati ISEE, se conformi,  direttamente dalla Banca dati INPS tramite una procedura informatizzata e lo studente riceverà una e-mail di conferma. L’attestazione ISEE-U 2020 non dovrà essere consegnata in Segreteria Studenti.

Si precisa che l’Università  non potrà acquisire:

- un ISEE-U, non conforme,  con omissioni/annotazioni di difformità da parte di INPS/Agenzia dell’Entrate
- un ISEE non applicabile alle prestazioni agevolate per il Diritto allo Studio Universitario in favore del proprio codice fiscale

- un ISEE per il quale lo studente non ha dato l’autorizzazione all’Università in fase di immatricolazione/iscrizione

La mancata acquisizione dell’ISEE da parte dell’Università comporterà per lo studente il pagamento dell’importo massimo del contributo universitario (seconda e terza rata) . Agli studenti che non autorizzano il recupero dei dati dell'attestazione entro dicembre 2020 viene applicata la contribuzione massima prevista per il Corso di Studio di afferenza. Gli importi dei contributi previsti sono indicati nella Tabella importo minimo e massimo tasse universitarie a.a. 2020/21 

Attenzione: 

  1. Tra la presentazione della dichiarazione sostitutiva unica presso le sedi dei CAAF e la validazione da parte dell’Inps con rilascio del relativo numero di protocollo intercorrono mediamente 15 giorni. Si raccomanda pertanto di presentare la dichiarazione per tempo.

  2. Gli studenti che intendono laurearsi entro l'ultima sessione dell'a.a. 2019/20  e coloro che si immatricolano/iscrivono ad un corso di studio devono comunque premunirsi dell’attestazione ISEE per le prestazioni agevolate per il diritto allo studio universitario conforme, sottoscrivendo la DSU.

 

PRESENTAZIONE TARDIVA DELL'ISEE E PENALE DI 250 EURO

Presentazioni tardive dell’Isee-U (attestazioni ISEE-U rilasciate nel 2021, anzichè nel 2020)

potranno avvenire, previa invio dell'isee tardivo a

                 ufficiotasse-info@unibs.it   (della UOC Segreteria e Informazioni Studenti) 

per l'applicazione della penale di 250,00 euro e il ricalcolo delle rate.

L'ISEE tardivo 2021 può essere accettato solo se viene presentato alla UOC Segreteria e Informazioni studenti entro il 15 giugno 2020.

 

Cos’è l’attestazione ISEE e a cosa serve 

L’attestazione ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) è lo strumento di valutazione, attraverso criteri unificati, della situazione economica dei soggetti che richiedono prestazioni sociali agevolate.

Si presenta per chiedere la riduzione della contribuzione studentesca (seconda e terza rata) e/o i benefici economici e i servizi erogati dall’Ente per il diritto allo studio (quali borse di studio, collaborazioni studentesche).

ISEE acquisibili

Gli iscritti ai corsi di studio presentano i dati dell’ISEE PER LE PRESTAZIONI AGEVOLATE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO a proprio favore, rilasciato nell’anno 2019 oppure ISEE PARIFICATO se il nucleo famigliare ha redditi e patrimoni in Paesi diversi dall'Italia.

Come e a chi si chiede

Per ottenere l’attestazione ISEE per le prestazioni relative al diritto allo studio si deve compilare la Dichiarazione sostitutiva unica (DSU) integrale, scaricabile dal sito dell’INPS.

La DSU contiene informazioni sul nucleo familiare e sui redditi e patrimoni di ogni componente il nucleo familiare. Deve essere compilata e presentata presso uno dei seguenti soggetti: 

  • ai Centri di Assistenza Fiscale (CAAF)
  • ai Comuni
  • all’INPS, anche per via telematica

​L'Ente al quale è stata presentata la DSU comunica allo studente quando l'attestazione ISEE è elaborata dall'INPS

Quale documentazione serve 

Vedi pagina on-line "Documentazione da presentare" a.a. 2020/21 

Accertamenti fiscali

Le attestazioni ISEE sono sottoposte a controlli attraverso l’incrocio delle banche dati della Pubblica Amministrazione, dell’INPS e attraverso l’attività ispettiva della Guardia di Finanza.

Le dichiarazioni mendaci sono denunciate alla competente autorità giudiziaria.

Normativa di riferimento

L’ISEE è disciplinata dalle seguenti norme:

  • Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 dicembre 2013 n. 159
  • Decreto Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali 7 novembre 2014
  • Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 aprile 2001
  • Per maggiori informazioni si rinvia al sito dell'INPS

    La situazione economica è valutata tenendo conto del reddito di tutti i componenti, del loro patrimonio (valorizzato al 20%) e, attraverso una scala di equivalenza, della composizione del nucleo familiare (numero dei componenti e loro caratteristiche).

    ISEE = (somma dei redditi al netto delle franchigie) + 20%*(somma dei patrimoni al netto delle franchigie) / Parametro della scala di equivalenza 
     

ISEE PARIFICATO

Studenti che non sono cittadini italiani e hanno redditi e patrimoni in paesi diversi dall’Italia sono tenuti a indicare la loro condizione economica secondo le modalità dell’ISEE PARIFICATO rivolgendosi ai CAF convenzionati 2020/21. Il servizio è gratuito per lo studente. 

Per il solo anno 2020 e per i candidati non-UE con visto per studio sono state introdotte le seguenti disposizioni, approvate con D.R. n. 681 del 2 Ottobre 2020:

Si autorizzano gli studenti con visto per studio e con nuclei famigliari residenti in aree non-UE, dove le condizioni dei pubblici servizi, degli spostamenti, del lavoro e della sicurezza personale nonché l’operatività delle Rappresentanze diplomatiche italiane sono gravemente compromesse in conseguenza della crisi sanitaria COVID 19 e/o del perdurare di disordini civili e di operazioni militari:
 
  • a presentare, ai fini dell’emissione dell’ISEE parificato 2020 da parte dei CAAF convenzionati con l’Ateneo, la documentazione inerente le condizioni economiche famigliari rilasciata in lingua inglese in sede locale, senza obbligo di legalizzazione e traduzione in lingua italiana ad opera delle Rappresentanze diplomatiche italiane
 
  • a ottenere dichiarazione ISEE parificato 2020 entro il 26 febbraio 2021 al solo fine di richiedere la riduzione della contribuzione universitaria
 
Si elencano i paesi che ricadono nelle predette condizioni critiche, come da informazioni rese disponibili dall’Organizzazione mondiale della sanità e dal Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale: Argentina; Bangladesh; Bielorussia; Brasile; Cile; Colombia; Federazione Russa; Filippine; India; Indonesia; Iran; Iraq; Libano; Lituania; Marocco; Messico; Perù; Siria; Stati dell’Africa subsahariana; Ucraina.
 
Gli studenti con visto per studio, i cui nuclei famigliari risiedono in paesi non-UE non inclusi nel presente elenco, potranno beneficiare delle citate procedure semplificate autocertificando la presenza delle criticità sopra indicate nell’area di provenienza.
 

 

Per l'ISEE PARIFICATO occorre recarsi presso un CAF convenzionato a.a. 2020/21, muniti della seguente documentazione:

  • codice fiscale del richiedente;
  • carta di identità o passaporto, in corso di validità;
  • documento attestante la composizione della famiglia;
  • reddito dell'anno solare 2019;
  • eventuale attestato di disoccupazione di ciascun componente la famiglia;
  • eventuali redditi e/o patrimoni detenuti in Italia;
  • dichiarazione dei fabbricati posseduti dalla famiglia nel Paese d’origine con l'indicazione dei metri quadrati;
  • attestazione del patrimonio mobiliare posseduto dalla famiglia al 31/12/2019.

 

STUDENTE INDIPENDENTE: REQUISITI

Al fine di tenere adeguatamente conto dei soggetti che sostengono effettivamente l’onere di mantenimento dello studente, il valore ISEEU modifica il valore ISEE secondo le seguenti modalità:

1) il nucleo familiare dello studente è integrato con quello dei genitori quando non ricorrano entrambi i seguenti requisiti:
1.      Residenza esterna all’unità abitativa della famiglia di origine stabilita da ameno due anni in immobile non di proprietà di un componente del nucleo familiare di origine;
2.      Indicatore della Situazione Reddituale, derivante esclusivamente da reddito di lavoro dipendente o assimilato non prestato alle dipendenze di un familiare, fiscalmente dichiarato da almeno due anni, non inferiore a € 6.500,00 (tale importo potrà essere oggetto di modifica con delibera della Giunta della Regione Lombardia).

2) in caso di separazione o divorzio il nucleo familiare dello studente è integrato con quello del genitore che percepisce gli assegni di mantenimento dello studente. Nel caso in cui i genitori facciano parte di due diversi nuclei, in assenza però di separazione legale o divorzio, il nucleo familiare è integrato con quelli di entrambi i genitori.

Ai sensi dell’art. 5 del DPCM 9 aprile 2001 comma 7 l’Indicatore della situazione economica equivalente all’estero è calcolato come la somma dei redditi percepiti all’estero e del venti per cento dei patrimoni posseduti all’estero, che non siano già stati inclusi nel calcolo dell’Indicatore della situazione economica equivalente, valutati con le stesse modalità e sulla base del tasso di cambio medio dell’euro nell’anno di riferimento.