Portale di Ateneo - Unibs.it Portale di Ateneo - Unibs.it

L'Accademia dei Lincei per una nuova didattica nella scuola

Inaugurato oggi ufficialmente il nuovo polo di Brescia del progetto “I Lincei per una nuova didattica nella scuola: una rete nazionale”, in collaborazione con l’Università Cattolica del Sacro Cuore sede di Brescia.

Prende avvio anche Brescia il progetto nato da un accordo tra l’Accademia dei Lincei ed il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca  per introdurre nella scuola italiana elementi innovativi per la didattica delle scienze naturali, della matematica e dell’italiano. La rete nazionale (sono già attivi i poli di Milano, Venezia, Torino, Bologna, Pisa, Perugia, Roma, Napoli e Bari) proporrà agli insegnanti delle scuole del territorio una serie di incontri e lezioni finalizzate a rinnovare i metodi didattici, proponendo un’ottica rivolta più alla sperimentazione che al nozionismo che sviluppi e desti un ritrovato interesse negli studenti per le leggi fondamentali della biologia, della fisica e della chimica, della matematica come motore per l’apprendimento scientifico, per la lingua italiana nella sua dimensione colta.

Il percorso di aggiornamento e formazione per insegnanti di tutte le materie, di ogni ordine e grado, coniugherà incontri per l’area scientifica che faranno perno sul Dipartimento di Medicina molecolare e traslazionale dell’Università degli Studi di Brescia, mentre per l’area di matematica e di lingua italiana le lezioni si svolgeranno presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia.

I target specifici individuati dal progetto dei Lincei, con il sostegno del MIUR, per quanto riguarda la matematica e le scienze sono  soprattutto agli insegnanti della scuola primaria, quelli della secondaria di I grado e delle prime classi della secondaria di II grado. La scelta è stata determinata dalla struttura del nostro sistema scolastico particolarmente adatto a questo inserimento, e per la particolare apertura all’apprendimento e all’imprinting delle menti giovani. L’italiano argomentativo sarà invece indirizzato agli insegnanti delle scuole superiori.

Lo sviluppo di una nuova didattica per la matematica, le scienze e la lingua italiana, oggetto dei programmi proposti dai Poli su base nazionale, si fonda sul presupposto che le tre aree siano fortemente correlate nello sviluppo culturale e individuale degli studenti:  l’uso più consapevole e rigoroso della lingua italiana consente non solo di organizzare e comunicare più efficacemente il proprio pensiero, ma anche, specificamente, di favorire la comprensione delle materie scientifiche; la matematica è all’origine del metodo scientifico, offre gli strumenti adatti alla comprensione della natura e dell’Universo; le scienze, soprattutto fisiche, chimiche e biologiche, offrono i presupposti per lo sviluppo del ragionamento scientifico e forniscono i dati sui quali si imposta il progresso scientifico. Quattro i concetti chiave attorno ai quali si articola la visione educativa e pedagogica del Polo: interdisciplinarità, centralità della sperimentazione in laboratorio, contestualizzazione culturale tra scienza e società, nuove tecnologie per la didattica.

In un contesto generale in cui l’Europa richiama il nostro Paese ad investire su strategie nazionali innovative per la promozione dell’educazione scientifica per poter stare al passo con gli altri paesi, il progetto dell’Accademia dei Lincei si presenta come un’opportunità di interesse fondamentale per tutto il sistema formativo. L’orizzonte temporale almeno decennale del progetto lo renderà quindi un nuovo riferimento su base nazionale per il miglioramento dell’educazione linguistica e scientifica dei ragazzi, per sostenere lo sviluppo armonico della loro persona con positive ricadute sulle scelte che opereranno relativamente al proprio percorso di formazione e, in generale, sui modelli di vita, contribuendo a migliorare in ultima analisi la nostra società.

I primi incontri si terranno già nel mese di febbraio nelle sedi dell’Università degli Studi di Brescia e dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. Il Polo sarà supportato dall’Ufficio Scolastico Territoriale di Brescia, la cui collaborazione riveste un ruolo centrale per la buona riuscita del progetto.

Venerdì, 21 Febbraio, 2014