Portale di Ateneo - Unibs.it Portale di Ateneo - Unibs.it

"Organizzare l'altruismo. Globalizzazione e welfare" a Economia

Il giorno 11 novembre 2010 alle ore 17.00 nella Sala della Biblioteca della Facoltà di Economia si terrà il seminario “Organizzare l’altruismo. Globalizzazione e Welfare”, relatore il sen. Prof. Tiziano Treu. Si tratta di un’iniziativa collegata al corso di Diritto del Lavoro della Facoltà di Economia tenuto dalla prof.ssa Cristina Alessi.
Tiziano Treu ha insegnato Diritto del Lavoro all’Università di Pavia e all’Università Cattolica di Milano. È stato Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale; in questa veste ha contribuito all’elaborazione di alcuni dei più significativi provvedimenti in materia di lavoro e welfare degli ultimi decenni; si possono ricordare, tra gli altri, la riforma del sistema pensionistico (L. 8 agosto 1995, n. 335) e l’intervento in materia di flessibilità e mercato del lavoro che da lui prende il nome, il c.d. “Pacchetto Treu” (L. 24 giugno 1997, n. 196). E’ stato altresì Ministro dei Trasporti e della Navigazione. Attualmente è Senatore e Vice Presidente della Commissione Lavoro del Senato. È uno dei maggiori studiosi italiani del mercato del lavoro e del sistema di relazioni industriali; al suo attivo ha numerose pubblicazioni; tra le più recenti si segnalano: Politiche del Lavoro. Insegnamenti di un decennio (Bologna, 2001) e Relazioni industriali e contrattazione collettiva (con G. Primo Cella, Bologna, 2009).
Il seminario vuole essere l’occasione di discutere del suo ultimo lavoro “Organizzare l’altruismo. Globalizzazione e welfare”, scritto con Mauro Ceruti e pubblicato da Laterza nel 2010. Il volume, come si legge nella sua introduzione, si interroga sulle ragioni della “crisi degli assetti (economici) attuali, sugli squilibri e sulle disuguaglianze che ne sono all’origine e che da essi vengono generate”, con l’obiettivo di “ricercare un nuovo paradigma più rispondente all’esigenza di sviluppare le capacità personali e il benessere collettivo” (p. VII). Si tratta certamente di un obiettivo ambizioso, che mette in gioco le capacità degli Stati nazionali di rinnovarsi e di ripensare i principi della solidarietà e della partecipazione sociale, come strumenti di rivitalizzazione della politica e della stessa democrazia.

Martedì, 9 Novembre, 2010