Studenti extracomunitari residenti all'estero: corsi di laurea e di laurea magistrale a ciclo unico

Posti disponibili

L’Università degli studi di Brescia ammette gli studenti extracomunitari residenti all’estero ai corsi di laurea e di laurea magistrale a ciclo unico se sono previsti posti a loro riservati: è possibile verificare se per il corso scelto sono stati riservati posti sul sito del Ministero dell’Università e della Ricerca.

Requisiti di ammissione: titolo di studio

  1. L’ammissione a un Corso di laurea o di laurea magistrale a ciclo unico richiede il possesso di un diploma di scuola secondaria superiore italiano o di altro titolo conclusivo del ciclo scolastico secondario conseguito all’estero e riconosciuto idoneo per accedere al corso universitario scelto.

    Il titolo estero
    - deve essere stato conseguito dopo almeno 12 anni di scuola, sulla base della frequenza degli ultimi due anni nel sistema che lo ha rilasciato (fatti salvi gli accordi bilaterali in materia).
    - deve essere comparabile al 4° livello EQF
    - deve essere stato emesso da istituti scolastici ufficialmente riconosciuti nel sistema educativo locale
    - deve consentire, nel sistema di istruzione che lo ha rilasciato, l'accesso agli studi universitari al livello comparabile al Primo ciclo QF- EHEA / 6° livello EQF.
     
  2. Il candidato deve aver superato la prova di idoneità accademica se è prevista nel paese di provenienza (Selectividad in Spagna, Prova de Aferiçao o Prova Geral de Acesso ao Ensino Superior in Portogallo, ecc..)
     

Particolari requisiti regolano l'ammissione di candidati con titolo High school del sistema statunitense e con titolo GCE/IGCE del sistema del Regno Unito.

Nel caso il numero totale di anni di scolarità sia minore di 12 il candidato, prima di iscriversi in Italia, deve  aver  completato:
- gli esami del primo anno di università  se il sistema scolastico seguito prevede 11 anni; oppure un corso di un anno di materia affine in un istituto superiore non universitario in Italia o all'estero; oppure un corso propedeutico (foundation course) di un anno presso università italiane
- gli esami del primo e del secondo anno di università se il sistema scolastico seguito prevede 10 anni; oppure un corso di due anni di materia affine in un istituto superiore non universitario in Italia o all'estero; oppure un corso propedeutico (foundation course) di due anni presso università italiane
Tali periodi di studio universitari consentono in Italia solo l’immatricolazione al primo anno, non è possibile chiedere il riconoscimento degli esami sostenuti per avere l’abbreviazione di  corso.

L’ammissione all’università viene concessa solo se la documentazione che attesta il possesso dei requisiti risulta valida, come previsto dalla normativa in vigore e dalle specifiche disposizioni del  Ministero dell’Università e della Ricerca. 

Requisiti di ammissione: conoscenza lingua Italiana

La conoscenza della lingua Italiana è necessaria per studiare in un’università in Italia: è richiesto un certificato di livello B2 o superiore emesso nell’ambito del sistema di qualità CLIQ. In caso non abbia ottenuto il certificato, lo studente deve sostenere con esito positivo una prova di lingua Italiana che si svolge ogni anno presso l’università .

Prove di ammissione

Tutti i corsi di laurea e di laurea magistrale a ciclo unico prevedono un test di ammissione, per alcuni orientativo e per altri selettivo.
La partecipazione al test è obbligatoria.

Vengono ammessi al test solo coloro che dimostrano di conoscere la lingua Italiana presentando un certificato di livello B2 o superiore emesso nell’ambito del sistema di qualità CLIQ; oppure superando la Prova di lingua Italiana presso l’Università degli studi di Brescia.

Documenti da presentare per l'immatricolazione

Al momento dell'immatricolazione, i candidati devono consegnare all'ufficio Ammissione studenti internazionali i seguenti documenti:

  1. Il diploma originale di scuola secondaria superiore in lingua straniera e la pagella finale, con traduzione ufficiale in lingua Italiana o Inglese: gli interessati possono rivolgersi a traduttori locali e devono  richiedere alla Rappresentanza italiana competente per territorio la certificazione di conformità della traduzione.
     
  2. Il diploma originale e la pagella finale devono inoltre essere legalizzati dalle autorità del paese che li ha emessi e corredati da Dichiarazione di valore da parte della Rappresentanza italiana competente per territorio.
     
  3. Uno dei seguenti documenti (in alternativa):
    - passaporto con il Visto d’ingresso per studio universitario rilasciato dalle Rappresentanze italiane competenti per territorio
    - permesso di soggiorno per studio (università) rilasciato dalla Questura italiana competente
    - ricevuta emessa dall’Ufficio postale in Italia dopo la richiesta di appuntamento con la Questura per il rilascio del permesso di soggiorno.


In alternativa alla Legalizzazione e/o alla Dichiarazione di valore l'Università degli studi di Brescia accetta rispettivamente l'Attestato di verifica e l'Attestato di comparabilità emessi dal CIMEA.

Altri eventuali documenti  in lingua straniera (certificato con gli esami universitari superati – transcript of records-, certificato di superamento della prova di idoneità accademica, certificato di conoscenza della lingua italiana) devono essere tradotti in lingua Italiana o Inglese.

 

Ultimo aggiornamento il: 03/05/2021